Posts Tagged ‘rivoluzione sessuale’

h1

Emancipazione femminile: cosa è cambiato sotto le lenzuola?

gennaio 12, 2014

di Azzurra Noemi Barbuto
Il sesso è sempre uguale in ogni epoca, ciò che cambia sono il nostro modo di viverlo e anche di parlarne. È inevitabile che certe trasformazioni sociali si ripercuotano anche sul nostro modo di fare l’amore, e non si tratta di posizioni.
Senza dubbio la nostra società è profondamente mutata negli ultimi decenni a causa dell’affermarsi di un nuovo ruolo del “sesso debole” sia in casa che fuori.
La donna ha acquisito potere, indipendenza e nuove consapevolezze. Oggi le donne lavorano, vivono da sole, a volte guadagnano più dei loro uomini, restano single per scelta e non perché “non le vuole nessuno”, viaggiano da sole, fanno carriera, dirigono. Non si danno più per finite se vengono lasciate, anzi hanno imparato a chiudere storie così come acquistano scarpe durante i saldi. Non si accontentano.
Oggi le donne vogliono essere soddisfatte. Anche a letto. E gli uomini lo sanno. Ecco perché oggi l’uomo è molto più attento sotto le lenzuola. Se prima il suo unico pensiero era il proprio piacere, oggi mette al centro il piacere della sua compagna. Se prima il rapporto sessuale iniziava e terminava con l’orgasmo di lui, oggi inizia con il primo di lei.
Finalmente, insomma, abbiamo imparato a fare sesso! Era necessaria la rivoluzione femminista per segnare la prima vera rivoluzione sessuale.
Ma sono cambiati prima gli uomini o le donne? Per la serie, “è nato prima l’uovo o la gallina?”. Sicuramente sono cambiate innanzitutto le donne. L’uomo prima non si curava del piacere della donna perché era lei stessa a metterlo in secondo piano. Ci si sposava vergini e senza esperienza, il sesso nella vita di una donna era qualcosa di misterioso, oltre che peccaminoso, che arrivava con il matrimonio e solo in funzione della procreazione. Per l’uomo, invece, da sempre il sesso è stato solo un trastullo.
L’emancipazione femminile passa necessariamente anche attraverso le lenzuola. Libertà è anche libertà sessuale, che non implica facilità di costumi, ma solo un sano rapporto con se stessi e con il proprio partner, un rapporto paritario, in cui la donna non rinuncia più a se stessa per mettere al centro il suo uomo, bensì pensa innanzitutto al proprio piacere, consapevole del fatto che questo procurerà piacere anche al suo uomo.
Alla fine ci siamo arrivati: il piacere è uno scambio, non l’impossessarsi di un corpo per il proprio esclusivo godimento.
Anche il sesso si evolve dunque. Ma emergono nuove problematiche. Il rischio che corre l’uomo oggi è quello di mettere al centro il piacere della propria compagna, trascurando il proprio. Non sono pochi, infatti, gli uomini che vivono tutto questo con apprensione. Dietro non c’è solo la naturale esigenza di provare piacere procurando piacere al partner, ma anche la paura di essere abbandonato. Oggi l’uomo sa che la donna possiede un grande potere che prima non aveva: il potere della scelta. Scegliere implica una valutazione. Ed in questo consiste la paura dell’uomo: non essere scelto, dunque non essere all’altezza. Colpo troppo grande al suo ego.
C’è da chiedersi, alla luce di tutto questo, cosa pensino gli uomini di noi. Ci vedono come delle macchine del sesso pronte ad eliminare chiunque non garantisca un numero sufficiente di orgasmi? Forti, determinate, sicure, quasi spietate. C’è da stupirsi sì…Che ancora abbiamo il coraggio di venire a letto con noi.

20140112-133526.jpg