Posts Tagged ‘reggio calabria citta metropolitana’

h1

Ingegneri ed urbanisti insieme per crescere

novembre 25, 2009

di Noemi Azzurra Barbuto

Se è vero che non si smette mai di imparare, l’aggiornamento costante è indispensabile per i professionisti che operano in settori in continua evoluzione. «Migliorare le competenze, avvicinando i tecnici alle tematiche della gestione del territorio, per giungere ad una conoscenza integrata», secondo Enrico Costa, presidente del corso di laurea in Urbanistica della facoltà di Architettura, è l’obiettivo fondamentale del patto tra il corso di laurea in Urbanistica dell’Università Mediterranea e l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Reggio Calabria.

Tale accordo renderà possibile per gli ingegneri laureati e già professionisti, nonché per i neo-laureati che intendono specializzarsi per entrare nel mondo del lavoro, che richiede competenze sempre maggiori, di iscriversi presso il corso di laurea magistrale (dunque biennale) in Urbanistica, vedendosi riconosciuta parte importante dei crediti formativi attraverso la comparazione del proprio piano di studi in Ingegneria con il piano di studi vigente in Urbanistica.

Inoltre, coloro che possiedono un curriculum di 120 crediti formativi potranno iscriversi direttamente al corso magistrale, presentandosi entro il 3 dicembre prossimo, data in cui è prevista la scadenza dei termini per l’iscrizione all’anno accademico 2009-2010.

Si tratta di un’iniziativa che, come ha affermato Costa in occasione della conferenza stampa di presentazione del progetto, tenutasi ieri mattina al dipartimento SAT (Scienze Ambientali e Territoriali) della facoltà di Architettura, «non accrescerà soltanto la formazione culturale degli ingegneri, ma, attraverso questo raccordo, si creeranno anche le condizioni per una crescita ed un arricchimento reciproci».

«Tra la facoltà di Architettura e quella di Ingegneria c’è sempre stato un rapporto molto stretto di collaborazione reciproca – ha precisato Francis Cirianni, presidente dell’Ordine degli Ingegneri – il cambiamento adesso interessante è l’opportunità di una formazione organica».

Secondo Domenico Passarelli, docente della facoltà di Architettura, questo patto rappresenta «la risposta più idonea ad una domanda di trasformazione della società e del territorio».

Anche le docenti Francesca Moraci, direttrice del dipartimento SAT, e Paola Panuccio hanno manifestato piena adesione all’iniziativa, soprattutto perché l’acquisizione da parte di Reggio Calabria dello status di “città metropolitana” rende adesso necessario che l’urbanistica, l’ingegneria e l’architettura costruiscano tra loro un percorso comune per una trasformazione adeguata e sostenibile.

h1

“Sarò una figura collante”: Massimiliano Ferrara nuovo prorettore dell’Università degli Stranieri

novembre 20, 2009

di Noemi Azzurra Barbuto

È stato presentato giovedì 19 novembre, presso la sala conferenze dell’Università degli Stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria, il nuovo prorettore vicario Massimiliano Ferrara, alla presenza del magnifico rettore Salvatore Berlingò, di Pino Bova, presidente del comitato reggino della società Dante Alighieri e componente del comitato tecnico organizzativo, e del corpo docenti.

«Accolgo con grande senso di responsabilità e con immenso piacere questo compito – ha affermato Ferrara – spero di ricambiare la fiducia che mi è stata data con l’impegno e la passione che da sempre caratterizzano il mio modo di fare università».

Un ruolo cruciale quello affidato oggi al giovane docente, dal momento che si colloca in un periodo di grande fermento per Reggio Calabria in seguito alla sua proclamazione di “città metropolitana” e alla realizzazione di una zona di libero scambio che accentuerà la sua presenza strategica nel cuore del Mediterraneo.

A questo proposito, Ferrara ha incluso tra gli obiettivi perseguiti dall’Università degli Stranieri, oltre a quelli specifici connessi alla formazione, anche la creazione di un dialogo tra i popoli, nonché l’instaurazione, ricoprendo già Ferrara il ruolo di presidente del corso di laurea in “Scienze economiche” dell’Università Mediterranea, di una sinergia comunicativa tra le due università reggine, per giungere all’intercettazione della ricca domanda culturale che proviene dall’estero.

Non sarà difficile per Ferrara, che, come sostiene Bova, «possiede una straordinaria capacità di comunicazione, dinamicità, ed esperienze prestigiose anche a livello internazionale, nonostante la sua giovanissima età», fungere da ponte tra le due istituzioni universitarie.

Ha espresso grande entusiasmo per la nomina di Ferrara anche Berlingò, che ha voluto ringraziare «per il suo costante e prezioso impegno» il prorettore uscente Pasquino Crupi, che «non lascerà l’università, ma continuerà a svolgere il suo ruolo di docente».

Secondo Ferrara, la città non deve vivere l’università in modo distaccato, bensì dare il suo contributo nella realizzazione degli obiettivi comuni, che necessitano dell’apporto di ognuno di noi. La creazione di uno stretto rapporto tra l’università, in particolare quella degli stranieri, e la città risulta fondamentale nella trasformazione di Reggio Calabria in ciò che potenzialmente è e che da sempre dovrebbe essere: un crocevia di culture, un luogo di incontro e di scambio pacifico tra i popoli.

E questo è il motivo per il quale Ferrara si pone «al servizio non solo dell’università ma anche della città».

h1

Le “visioni” di Renzo Margonari nella cornice di Villa Zerbi

novembre 2, 2009

di Noemi Azzurra Barbuto

mostra_margonari_200Il 10 ottobre, alle ore 18:30, presso la Villa Genoese Zerbi, sarà inaugurata la mostra pittorica “Non esistono due draghi uguali”, del maestro Renzo Margonari, illustre ed attivo artista mantovano che si definisce “surrealista per natura”.

La mostra, che potrà essere visitata fino al 15 novembre, ha la sua origine in un amichevole sodalizio culturale tra le città di Mantova e di Reggio Calabria, stabilitosi in passato attraverso uno scambio di beni storico-artistici tra le due città. In quell’occasione, a Mantova furono trasferiti alcuni reperti archeologici della Magna Grecia custoditi presso il Museo Nazionale di Reggio Calabria, in cambio della collezione Acerbi di arte egizia.

Il filo conduttore che avvicina le due città, geograficamente distanti, è stato rintracciato dall’assessore ai Beni Culturali e Grandi Eventi, on.le Antonella Freno. E’ sua l’idea, infatti, di legare il dialogo tra Mantova e Reggio Calabria alla figura di Publio Virgilio Marone, che nacque proprio nell’area del mantovano e nella cui principale opera, “L’Eneide”, è possibile rintracciare delle relazioni poetiche con la nostra terra. Ma Virgilio è anche un artista al quale, come afferma l’on.le Nanni Rossi, del comune di Gazoldo degli Ippoliti, in provincia di Mantova, la città di Mantova ha riservato un posto secondario, avendo sofferto in passato un’eccessiva identificazione con lo stesso.

Secondo Rossi, in quest’ottica, “il patto tra Reggio Calabria e Mantova risulta essere fondamentale per quest’ultima anche perché grazie ad un assessore reggino la città di Mantova recupera un’attenzione per Virgilio che non è sempre presente”. A proposito del riconoscimento di Reggio come città metropolitana, il sindaco di Mantova afferma: “Mi congratulo con questa amministrazione per un’altra conquista, per ora simbolica. Mi riferisco al fatto che Reggio Calabria è diventata città metropolitana. E’ una potenzialità questa che dovrete sapere cogliere, è un momento di svolta, non solo un’opportunità, ma, per certi versi, è anche una rivincita per Reggio Calabria rispetto a delle mortificazioni che nel passato la vostra città aveva subito”.

Un altro motivo che lega le due città, secondo Rossi, risiede nel fatto che sia Mantova che Reggio hanno la loro vera ricchezza nel loro hinterland. Continua Rossi, a proposito di Reggio, “la vostra città ha un patrimonio artistico ed archeologico per i 4/5 ancora da scoprire, questo sarà un altro motivo di interesse da parte nostra verso la vostra città per l’avvenire. Da noi emerge poco; da voi, invece, scavando, vengono fuori dei mosaici infiniti, di una bellezza straordinaria. Questo porterà molti mantovani a visitarvi”.

image_1209036436_478A proposito delle opere del maestro Renzo Margonari, il sindaco Rossi afferma: “Margonari è pittore, scultore, intellettuale, personaggio che mette sempre in discussione la realtà attraverso una continua critica di stimolo verso una società che passa tanto tempo a guardare indietro e poco tempo a guardare avanti. Confrontarsi con il futuro è qualcosa che purtroppo non si fa”.

Ed è così che ci appare l’artista, proteso verso il futuro, nel suo desiderio di migliorasi sempre, di non considerarsi mai arrivato, nonostante i suoi importanti riconoscimenti e successi professionali. Egli afferma: “I miei quadri sono improvvisati. Ma cos’è l’improvvisazione se non la somma delle esperienze che un uomo ha accumulato nel corso degli anni? Non posso dire nulla, se non che, avendo raggiunto questi anni, non posso fare a meno di migliorare ancora”.

Una pittura, quella del maestro Margonari, che non si può classificare, che mette in crisi la critica, la quale cerca di ordinare tutto in categorie. Ma come si fa ad ordinare l’arte, quella che viene dall’anima e che forse non è altro che caos che si armonizza nei colori e nelle forme? Ecco che le categorie diventano strette, insufficienti per spiegare ciò che si vuole esprimere attraverso l’opera d’arte e ciò che essa trasmette ad ognuno di noi. Una pittura, dunque, che si rivolge al singolo, all’individuo, che lo emoziona, lo fa riflettere, lo stupisce, lo incanta.

Immagine_17Afferma Margonari: “Il non essere classificabili comporta due rischi: essere fraintesi o essere ignorati. Io non sono stato ignorato, ma sono stato frainteso, e questo mi ha gratificato profondamente, perché, se la mia opera può essere fraintesa, vuol dire che è aperta, cioè ciascuno può instaurare un rapporto personale con ognuna delle opere esposte”.

Ciò che colpisce immediatamente sono i colori, forti, accesi, schizzati dall’infinito, potenti. A questo proposito l’artista dichiara di non condividere il pensiero di coloro che hanno sostenuto che egli usi dei “colori nordici”. Dice Margonari: “Sento il colore in modo particolare. Esso non è nordico, come si dice, al contrario, io credo sia un colore mediterraneo. Ecco perché ritengo che qui i miei quadri stiano bene. Sì, io credo che qui i miei quadri stiano felicemente. In questa città la mia pittura mediterranea forse può essere facilmente compresa. La mia è una pittura senza senso, perché io reputo che l’arte sia senza senso, perché essa ha tutti i sensi, è un’esperienza totalizzante. Ciascuno si rivolge alle opere a suo modo ed ottiene la sua risposta”.

Ed anche i titoli dei quadri sembrano essere privi di senso. Eccone alcuni: “Palingenesi di un’idea semplice”, “Uovo che, disgustato dal Liberty, spara uova dappertutto”, “Drago, infuriato per l’incertezza del futuro, partorisce una X”, “Farfadrago con problemi di successione”, “D’inverno, un fiore qualsiasi prende il raffreddore”, “Drago panteista, non accetta l’alba come soluzione del problema”, “Non è semplice cogliere un fiore”.

Sono trentasette le “visioni” esposte. Si tratta di sogni, confusi e strani come tutti i sogni, comprensibili solo a patto che non ci abbiano delle barriere, dei preconcetti, delle precondizioni, perché Margonari è un surrealista, influenzato anche dal calligrafismo estremorientale, e il surrealismo, come afferma il maestro mantovano, “non riconosce gli estremi ma si muove attraverso di essi come un pesce nell’acqua. Noi siamo pesci solubili, ci possiamo muovere oltre ogni linguaggio. Io ho scelto la pittura. Sono un pittore. Io mi sento un pittore”.