Posts Tagged ‘origini della letteratura calabrese’

h1

Presentato l’ultimo libro di Pasquino Crupi: “La letteratura calabrese”

gennaio 18, 2010

di Noemi Azzurra Barbuto

Colmerà una grave lacuna nella cultura non solo degli studenti ma di tutti quanti noi “La letteratura calabrese”, ultima opera dello scrittore Pasquino Crupi, destinata alla scuola media e presentata ieri pomeriggio all’interno del locale I tre farfalli, sito in via del Torrione a Reggio Calabria.

Il testo, edito da Luigi Pellegrini Editore, si articola in tre volumi, per la prima volta pensati e realizzati, ciascuno dei quali analizza determinate epoche storiche. Il primo racconta la letteratura calabrese dalle sue origini fino al Settecento; il secondo si sofferma sul Settecento e sull’Ottocento; il terzo, infine, si occupa del Novecento fino al 2000.

Ed è lo stesso Crupi a concepire la sua opera non come un qualcosa di puramente scolastico, bensì come «una battaglia meridionalista intesa a sottrarre la nostra civiltà letteraria da tutte le calcolate menzogne che intendono relegarla nel recinto delle letterature marginali».

«Il che è assolutamente falso», dichiara orgoglioso lo scrittore. Ed è suo il merito se possiamo rendercene conto anche noi, sfogliando le pagine di quei tre volumi, scritti con «la speranza -confessa Crupi- di riempire un vuoto pesante che per tanti anni ha reso gli studenti estranei alla propria civiltà e la scuola estranea al territorio».

Un’indifferenza che, secondo l’autore, «grida vendetta», perché la letteratura calabrese non è disgiunta dallo svolgimento di quella italiana, piuttosto ne costituisce parte integrante, cosicché, se venisse eliminata la prima, sostiene Crupi, «crollerebbe la stessa letteratura nazionale».

Si tratta dunque di una colonna, forse una tra tante, dal momento che ne occorrono diverse per sorreggere qualcosa di importante, ma comunque una colonna portante. Ed il testo di Crupi ne spiega il pregio stilistico, offrendoci l’occasione per «rientrare nei confini sconfinati della nostra civiltà letteraria».

Immortale, bella, meridionalista e da sempre di opposizione, è così la letteratura calabrese, legata nei primi secoli a quella europea, a partire dal Trecento a quella nazionale e, con l’avviarsi del Settecento, sempre più attenta ai problemi calabresi, assumendo, a partire dall’Ottocento, un ruolo soprattutto di denuncia sociale.

«Tutti ci ritengono chiusi, ma noi calabresi siamo straordinariamente spalancati -ha affermato lo scrittore- sappiamo tutto di Manzoni e di Eco e quasi nulla dei calabresi che hanno fatto la letteratura calabrese».

È forse questo il nostro reale limite: non avere mai spalancato una finestra su noi stessi.