Posts Tagged ‘confartigianato’

h1

Anche in tempo di crisi i calabresi non rinunciano mai al dolce: meglio se artigianale

dicembre 21, 2009

di Noemi Azzurra Barbuto

Fare un bilancio dei risultati raggiunti quest’anno e rinsaldare l’impegno per la valorizzazione della pasticceria artigianale, preziosa risorsa del nostro patrimonio culturale. Sono gli obiettivi dell’incontro tra Giuseppe Pucci e Angelo Musolino, rispettivamente coordinatore e rappresentante dell’Associazione Pasticceri Artigiani Reggini (APAR), e Demetrio Battaglia, segretario di Confartigianato, svoltosi ieri mattina presso la sede reggina di Confartigianato di via Marvasi.

«Anche in tempo di crisi i calabresi non rinunciano mai al dolce», ha affermato Pucci, meglio se artigianale, perché la qualità nella scelta dei cibi non è qualcosa da sottovalutare.

E i calabresi lo sanno. Ecco perché il settore, come ha spiegato il coordinatore, ha risentito minimamente degli effetti del dissesto economico. «Merito anche dell’APAR -ha specificato Battaglia- che fin dall’inizio ha assunto come obiettivo prioritario il mantenimento della produzione artigianale e della manualità». Uno dei risultati è stata la conversione dei panettoni da industriali in artigianali operata dalle pasticcerie reggine che aderiscono all’associazione e che da circa due anni producono e vendono solo panettoni prodotti nei loro laboratori.

I vantaggi ottenuti dai consumatori di dolci artigianali non sono pochi. Innanzitutto, «la scelta attenta e curata delle materie prime -ha sottolineato Musolino- garantisce un prodotto superiore in qualità». In secondo luogo, ha continuato il rappresentante APAR, le pasticcerie possono fornire al cliente «una produzione personalizzata in base ai suoi gusti e alle sue personali esigenze». I pasticceri artigiani reggini producono anche dolci per celiaci. Infatti, «sono sempre più numerosi -ha ricordato il coordinatore- coloro che soffrono di intolleranza al glutine».

Sia Battaglia che Pucci si sono dichiarati soddisfatti della felice riuscita della ottava manifestazione del dolce artigianale, che si è tenuta a Palazzo Campanelle lo scorso 16 novembre, coinvolgendo i pasticceri delle cinque provincie calabresi, i consumatori ed i giovani.

In particolare, questi ultimi l’APAR si propone di coinvolgere nelle sue attività, affinché la nostra tradizione dolciaria artigianale non soccomba, vinta da una produzione industriale che, interessata soltanto ai grandi numeri, omologa e rende quasi sintetico il prodotto.

Sono infatti indirizzati ai giovani i corsi che ogni anno l’APAR, con il supporto della Provincia, organizza con il proposito di avvicinare i ragazzi e le ragazze, come ha affermato Pucci, «ad un mestiere non solo “dolce”, ma che dà anche soddisfazione economica».