h1

Ma tutti gli uomini tradiscono?

dicembre 13, 2013

di Azzurra Noemi Barbuto
Mi sorge un dubbio: ma tutti gli uomini tradiscono?
Dopo attente osservazioni della specie umana maschile, conversazioni sull’argomento sia con uomini che con donne, dopo confessioni di amiche, amici, clienti, parenti, annessi e connessi, non posso fare a meno di pormi questo quesito: ma lo fanno solo i maschi che mi circondano o che conosco, direttamente o indirettamente, o tutti gli uomini prima o poi ci cadono e, come si usa dire, fanno le corna? Chiedere ai diretti interessati è impossibile. Non lo ammetterebbero mai. Qualcuno dice: “È nella natura dell’uomo volere sperimentare”, qualcuno aggiunge “se è un vero maschio, ha bisogno di fecondare più donne”. Qualcun altro invidia chi si è fatto l’amante, ma intanto lo biasima: “Come può mettere in discussione così la famiglia. Beh, bisogna dire che, se volessi, potrei farlo facilmente anch’io”. Sembra che sia una sindrome dilagante ed io stessa ho conosciuto uomini sposati che si comportano come se non lo fossero affatto, tanto da risultare un po’ patetici e un po’ imbarazzanti. Ma le corna meno comprensibili sono quelle tra fidanzati in erba. C’è da chiedersi: “Beh, ma perché state insieme?”. O forse tutto questo è la normalità, quella che sta venendo allo scoperto adesso, perlomeno a me. Non stupisce che poi si abbia poca voglia di impegnarsi con un uomo. Ma se davvero tutti gli uomini tradiscono, allora, come ci si tutela da un possibile tradimento da parte dell’uomo che amiamo? Le opzioni potrebbero essere diverse: 1. Non innamorandosi, cosa che appare del tutto impossibile, almeno sul lungo periodo. 2. Facendo pedinare il proprio lui da un investigatore privato, ipotesi troppo costosa e alquanto inverosimile, che non risolverebbe affatto il problema, anzi, ci farebbe sviluppare la mania del controllo. 3. Intraprendendo una relazione dando già per scontato il fatto che lui ci tradirà, ma questo non è proprio il massimo del romanticismo. 4. Tradendolo a nostra volta. Quest’ultima mi sembra l’unica soluzione possibile. Forse le corna si pagano e si superano solo con le corna e solo rendendo all’altro pan per focaccia potremmo fargli capire cosa significhi davvero “essere traditi”, e magari la prossima volta neanche succederà…
C’è chi dice che tra quindici o vent’anni il tradimento sarà così in voga da risultare assolutamente normale. La chiamano “evoluzione”, ma non è che stiamo piuttosto regredendo verso i nostri antenati scimpanzé? Eppure, se davvero tutti tradiscono, ma lo negano e lo fanno in clandestinità, allora, solo in tal senso sarebbe un progresso: perché la gente farebbe alla luce del sole qualcosa a cui non può per natura rinunciare e che oggi fa di nascosto.
Ma mi piace ancora credere che l’amore, quello vero intendo, sia una relazione esclusiva tra due persone che non riescono a immaginare di potersi sostituire, neanche solo per una notte. Ed è questa complicità, questa intimità, a cementare il rapporto. I problemi nascono quando si smette di essere vicini, quando quel cerchio si spezza, lasciando spazio ad altri. La responsabilità è di entrambi. Non è facile non scivolare nella routine, nell’abitudine, mantenere viva la passione. È un compito di entrambi, che non spetta solo alla donna o solo all’uomo.
Infine, ci sono situazioni in cui le donne accettano di essere tradite. Ne sono consapevoli, a volte fingono di non vedere, ma lo sanno. Sono certa che anche in questo caso il tradimento provochi sofferenza, a patto che ci sia amore. Anzi, il fare finta di nulla acutizza il dolore. Quando il tradimento è accettato e lascia indifferenti, invece, vuol dire che a tenere insieme quelle persone non è l’amore, ma l’interesse, o il bisogno, o qualsiasi altra cosa. Ecco che risulta ancora più evidente che se esiste il tradimento, è solo perché esiste l’amore. Ci si sente traditi solo quando si ama.
A tutti può succedere. Persino a chi non lo concepisce. È indice che qualcosa non funziona nel rapporto ed in questo senso deve costituire un’occasione per migliorare la relazione. In certi casi, può persino fare bene alla coppia, risvegliando gelosia e passione. Questo non ne diminuisce la pericolosità. Ma non bisogna neanche credere che tutto debba finire per sempre.

I nostri esperti (terapista di coppia e sessuologo) possono aiutarvi ad affrontare e risolvere questo tipo di situazione (sia da soli che in coppia).
Separati Sì Disperati No

Info: 329/2828037 sito: http://www.separatisidisperatino.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: