h1

Il No Profit: da terzo settore a settore comprimario

giugno 22, 2010

di Noemi Azzurra Barbuto

Imprese più umane, che non mirano alla massimizzazione del profitto, bensì ad offrire un servizio alla collettività. Sono le organizzazioni no profit, facenti parte di quel terzo settore al quale Domenico Marino e Carmelo Migliardo hanno dedicato un libro, “Politica economica del no profit”, edito da Aracne editrice e presentato ieri mattina nella sala biblioteca del Palazzo della Provincia di Reggio Calabria.

Strada alternativa a quelle del mercato e dello Stato, il settore no profit ha assunto negli ultimi trent’anni un’importanza strategica nell’ambito dell’economia mondiale, soprattutto a causa della crisi dello Stato sociale, alle cui deficienze ha cercato di sopperire, riuscendoci con successo.

Obiettivo del volume è, come ha spiegato uno dei suoi autori, Migliardo, «divulgare il modello della produzione attraverso il no profit», che può «favorire la crescita locale del Mezzogiorno», dove ogni progetto di sviluppo è clamorosamente fallito.

Insomma, lì dove lo Stato non è riuscito, queste organizzazioni possono porre le basi per un corso nuovo.

Tuttavia, esistono degli ostacoli che impediscono l’affermazione del terzo settore nelle regioni meridionali. Primo tra tutti la criminalità organizzata.

Ecco perché, secondo gli autori, per uno sviluppo effettivo è necessaria «una trasformazione sociale», ossia un cambiamento di mentalità.

Il lavoro dei volontari, i minori intoppi burocratici, i minori costi di transazione, la mancata ricerca di un guadagno esorbitante. Sono questi gli elementi vincenti del terzo settore, per i quali, ha affermato il docente Antonino Gatto, il no profit dovrebbe essere considerato ed essere «settore comprimario, promotore della fioritura di un’economia civile». “Civile” in quanto fondata sul «principio regolatore della reciprocità».

Non si tratta di un obiettivo impossibile, secondo gli economisti presenti ieri alla conferenza, dal momento che, come ha sottolineato Gatto, «gli stessi valori che reggono la società possono reggere anche il mercato».

3 commenti

  1. interessante, però, alla fine non sono affatto d’accordo su «gli stessi valori che reggono la società possono reggere anche il mercato». E’ utopia pensare a qualcosa del genere, che piaccia o no, il sistema capitalistico globalizzato è incentrato sulla logica del profitto, non credo affatto ai “buoni samaritani” della finanza o ad un’etica del mercato. Balle, buone in tempi di crisi per proporre qualcosa di alternativo ad un sistema che ha fallito, però, è attualmente con tutte le pecche che si vuole, l’unico modello a breve periodo attuabile. un ragionamento di finanza etica e cose del genere, possono intravedersi solo come esperimenti in micro-società, come appunto l’esperienza del no-profit, dove la supplenza alle carenze di servizi statali è in aree circoscritte e minime.


  2. My daughter took me to Florence a while back…..found this story and just watched the news cast……..what a story……..why did the whale beach itself???? Would it have been handled differently now??? Lots of unanswered questions???? Things that make you go hmmmmmmm


  3. I’m just starting to get into art as I grow older and I’m always amazed at the creativity some people have. The grey and aluminum pieces are great.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: