h1

Ingegneri ed urbanisti insieme per crescere

novembre 25, 2009

di Noemi Azzurra Barbuto

Se è vero che non si smette mai di imparare, l’aggiornamento costante è indispensabile per i professionisti che operano in settori in continua evoluzione. «Migliorare le competenze, avvicinando i tecnici alle tematiche della gestione del territorio, per giungere ad una conoscenza integrata», secondo Enrico Costa, presidente del corso di laurea in Urbanistica della facoltà di Architettura, è l’obiettivo fondamentale del patto tra il corso di laurea in Urbanistica dell’Università Mediterranea e l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Reggio Calabria.

Tale accordo renderà possibile per gli ingegneri laureati e già professionisti, nonché per i neo-laureati che intendono specializzarsi per entrare nel mondo del lavoro, che richiede competenze sempre maggiori, di iscriversi presso il corso di laurea magistrale (dunque biennale) in Urbanistica, vedendosi riconosciuta parte importante dei crediti formativi attraverso la comparazione del proprio piano di studi in Ingegneria con il piano di studi vigente in Urbanistica.

Inoltre, coloro che possiedono un curriculum di 120 crediti formativi potranno iscriversi direttamente al corso magistrale, presentandosi entro il 3 dicembre prossimo, data in cui è prevista la scadenza dei termini per l’iscrizione all’anno accademico 2009-2010.

Si tratta di un’iniziativa che, come ha affermato Costa in occasione della conferenza stampa di presentazione del progetto, tenutasi ieri mattina al dipartimento SAT (Scienze Ambientali e Territoriali) della facoltà di Architettura, «non accrescerà soltanto la formazione culturale degli ingegneri, ma, attraverso questo raccordo, si creeranno anche le condizioni per una crescita ed un arricchimento reciproci».

«Tra la facoltà di Architettura e quella di Ingegneria c’è sempre stato un rapporto molto stretto di collaborazione reciproca – ha precisato Francis Cirianni, presidente dell’Ordine degli Ingegneri – il cambiamento adesso interessante è l’opportunità di una formazione organica».

Secondo Domenico Passarelli, docente della facoltà di Architettura, questo patto rappresenta «la risposta più idonea ad una domanda di trasformazione della società e del territorio».

Anche le docenti Francesca Moraci, direttrice del dipartimento SAT, e Paola Panuccio hanno manifestato piena adesione all’iniziativa, soprattutto perché l’acquisizione da parte di Reggio Calabria dello status di “città metropolitana” rende adesso necessario che l’urbanistica, l’ingegneria e l’architettura costruiscano tra loro un percorso comune per una trasformazione adeguata e sostenibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: