h1

Il bergamotto: credere nelle nostre risorse per crescere

ottobre 31, 2009

bergamotto

di Noemi Azzurra Barbuto

Giovedì 5 marzo presso l’auditorium Cipresseto dell’Accademia del Tempo Libero di Reggio Calabria si è tenuta la conferenza “Reggio Calabria e il bergamotto: la storia”. Il prof. Pasquale Amato, docente di storia contemporanea presso la facoltà di scienze politiche dell’Università di Messina e autore del libro “Storia del bergamotto di Reggio Calabria. L’affascinante viaggio del Principe degli agrumi”, pubblicato da Edizioni Città del Sole, ha guidato coloro che hanno preso parte alla conferenza lungo un affascinante percorso storico, in cui si sono intrecciate tra loro storia locale e storia mondiale, per arrivare a una più consapevole conoscenza di questo straordinario agrume che caratterizza la nostra terra, dal momento che la sua coltura si rifiuta di attecchire in altre parti del mondo.

A proposito del suo libro il prof. Amato specifica come non si tratti di un’opera di botanica, piuttosto di un lavoro nato dall’esigenza di abbattere i numerosi luoghi comuni e i pregiudizi che ruotano intorno al bergamotto. Si tratta del libro di uno storico che si è messo al servizio della sua comunità affinché prenda coscienza della sua ricchezza e inizi a sfruttarla.

Le false credenze, a cui si riferisce il prof. Amato, riguardano innanzitutto l’origine del bergamotto. Sembra infatti che per secoli i reggini abbiano cercato di dimostrare che esso non fosse una pianta autoctona, anziché essere orgogliosi di questa peculiarità del tutto nostra. Hanno così trovato facile fioritura e diffusione nel corso dei secoli diverse favole, alcune delle quali facevano provenire il bergamotto dalle Canarie, importato da Cristoforo Colombo, o persino dalla lontana Cina; altre deducevano dalla radice del nome la provenienza dell’agrume dalla città di Bergamo, o dalla cittadina spagnola di Berga, situata vicino a Barcellona.

colonia

È a metà del Settecento che nascono a Reggio le prime piantagioni di bergamotto. Ci siamo trovati ad avere la fortuna di questa pianta molto delicata, molto difficile da coltivare, siamo diventati esperti nel coltivarla, nell’estrarne la preziosa essenza, ingrediente fondamentale di qualsiasi profumo, nel commercializzarla e nel cederla al mondo, ma non siamo mai arrivati alla conclusione del ciclo produttivo attraverso la creazione di un’industria profumiera, che sarebbe stata certamente l’operazione più redditizia. Abbiamo preferito piuttosto vendere l’essenza ai francesi, i quali si sono affermati nel mondo come esperti profumieri.

È nell’Ottocento che abbiamo il boom della produzione, ma le cause per cui non si passò all’ultimo stadio del ciclo produttivo sono molteplici e vanno ricercate soprattutto nell’ambiente generale reggino dal punto di vista pubblico, mancavano inoltre banche di investimento che avrebbero potuto aiutare gli imprenditori concedendo loro un anticipo economico. L’unica possibilità era dunque l’esportazione, cioè la vendita all’estero di un prodotto esclusivo, che portò in effetti facili guadagni agli imprenditori, ma essi non rischiarono, in un certo senso si accontentarono.

Il completamento del ciclo produttivo non ci fu allora e non c’è stato mai. Ci occupiamo ancora di come cedere l’essenza agli altri e non di come sfruttarla per noi.

Prof. Amato, cosa ci è veramente mancato per giungere al completamento del ciclo produttivo? Perché non abbiamo mai fatto questo passo?
“Non lo abbiamo fatto perché forse non abbiamo tanta fiducia in noi stessi, nelle nostre capacità. Dobbiamo diventare esperti del nostro tesoro. Noi invece siamo generosi, preferiamo che siano gli altri a guadagnarci. Purtroppo il nostro rapporto con il bergamotto è un rapporto strano, difficile per certi aspetti, è un matrimonio che non si riesce a fare”.

Lei crede che sia possibile fare oggi ciò che non siamo riusciti a fare in trecento anni di storia?
“Qualcuno che ha preso l’iniziativa c’è, ma il problema è sempre quello dell’insieme. Se ogni volta che qualcuno cerca di fare di più, gli altri cercano di combatterlo e di abbatterlo, allora non si arriverà mai da nessuna parte. Ma c’è sempre la speranza che prima o poi noi possiamo migliorare”.

TortaBergamotto

7 commenti

  1. Pur essendo della provincia di Catanzaro m’interesso della vendita di prodotti al bergamotto,perchè esso è una ricchezza che appartiene a tutti i calabresi. Mi sarebbe di grande utilità personale capire come noi calabresi non capiamo e ci rifiutiamo di capire, naturalmente mettendo impegno a non capire che la ricchezza e a portata di mano se solo si capirebbe che quello che abbiamo noi gli altri non riescono ne ad averlo ne ha costruirlo, mi riferisco a tutto ciò che in Calabria esiste, dal sole al clima al bergamotto,alle piante officinali naturali che da soli potrebbero curare mezza Italia, e allora cosa ci impedisce a prenderci ciò che è nostro,chi ci deve guidare in questo processo di miglioramento? ecco vorrei capire tutto questo per megli comprendere la vita che facciamo,cercando soluzioni che soluzioni non sono e lasciando morire tutto ciò che la natura ci ha dato. Saluti Aldo Viscomi


  2. Ciao sto’ facendo una ricerca per la mia tesi di laurea sul bergamotto. Avrei bisogno dell’andamento del mercato relativamente ai dati sulle vendite e sulle esportazioni di questo agrume negli ultimi anni. Purtroppo non riesco a trovare nulla. Mi potresti essere d’aiuto?? Grazie in anticipo…


    • Ciao. Scusami se rispondo solo adesso, ultimamente, per cause di forza maggiore, ho trascurato il mio blog. Hai scelto un argomento molto interessante per la tua tesi, complimenti. Dove studi e quale facoltà frequenti? Non saprei come aiutarti. Questi dati interesserebbero anche a me, penso che nessuno si sia mai curato di raccoglierli.


      • Ti ringrazio per l’interessamento. Sto facendo la tesi specialistica affrontando anche quest’argomento perchè mi sembra abbastanza interessante. Purtroppo ci sono pochissimi dati su internet in tal senso, in particolar modo nello specifico penso tale risposta possa essere data dalla Stazione Sperimentale di Reggio, ma purtroppo il sito è in fase di aggiornamento -:)


    • ..anche io tesi sul bergamotto..c’è poco eniente sto uscendo pazza..


  3. Ragazzi, sono una studentessa della facoltà di Economia a Reggio, precisamente scienze economiche, e il mio argomento di tersi di laurea è proprio il bergamotto mi servirebbero molte info, in quanto ho cercato un contatto con il consorzio ma è inutile, e a non rispondere sono anche gli addetti della Stazione Sperimentale degli agrumi, sempre a Reggio, voi sapete per caso dirmi dove altro posso trovare appunti libri e quant’altro????


  4. La nostra azienda produce e commercializza il bergamotto biologico ed i suoi derivati. Per ulteriori informazioni visitare il nostro sito web: http://www.oliogangemi.org/Bergamotto.html



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: